True Blood

Giunta alla quarta stagione, la serie prodotta da HBO non ha cambiato formula. Ci sono vampiri che bevono sangue artificiale, sintetizzato in Giappone, e che prosciugano umani, quando non sono ovviamente impegnati a fare sesso alla velocità della luce. Hanno complicato un po’ le cose, aggiunto una strega dal passato, i licantropi, i mutaforma, le fate, un posto in cui il tempo non passa in modo convenzionale e – incredibile a dirsi – un sacco di nuove scene di sesso, anche lesbo, per non farsi mancare niente.
L’effetto speciale scelto per simulare la velocità sovrumana di spostamento dei vampiri, nel mentre, è forse uno dei più brutti mai visti nella storia delle serie televisive. Però, sul mio MySKY HD le puntate di True Blood non mancano mai, perché, alla fin fine, ogni episodio si lascia guardare e diverte. Oddio, magari diverte solo me, ma tanto mi basta.
Il visual scelto per il lancio della prima stagione, a oggi, rimane inarrivabile, almeno a parer mio. Nel wallpaper ho applicato un livello di correzione colore perché quel rosso era davvero poco rosso.

 

 

Potresti pure trovare interessanti:

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.