Shadows of the Damned

Tecnicamente pare vecchio, sin da subito, come buona parte dei giochi creati da Suda51. Il fatto è che bastano 15 minuti per innamorarsi del protagonista, Garcia Hotspur, un cacciatore di demoni, e della sua spalla, Johnson, un demone scappato/scacciato/nonsicapisce dall’Ade. Lo schema non è particolarmente complicato, ma è capace di incollare allo schermo, come avviene spesso quando in cabina di regia ci sono Suda51 e Shinji Mikami.  Merita il full price.

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.