SSX iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

È un po’ di tempo che non escono veri giochi basati sugli sport estremi, e la cosa mi fa un po’ morire dentro, come diceva Gianni Bella.
In realtà, degli sport appena menzionati, nella “vita vera”, mi frega poco: il solo pensare di risalire su uno skate, o di infilare sotto ai piedi una tavola da snow, basta per farmi saltare legamenti e menischi di entrambe le ginocchia. Non ho l’età, come diceva Gigliola Cinquetti.
A prescindere dal mio stato psicofisico, tuttavia, posso affermare di attendere con una certa ansia il reboot di SSX, oramai pronto per gli scaffali (l’ultima data nota è quella del 2 di Marzo).
Con i primi titoli della serie mi ero divertito un saccobelli da giocare, da vedere e ottimi per la chiacchiera con gli amici.
Mi aspetto molto anche dalla colonna sonora, visto che il genere ben si presta a farmi scoprire un po’ di musica che solitamente non ascolto. Con Dave Mirra Freestyle BMX 2 (ed NHL 2002) avevo avuto la “fortuna” di far arrivare nel mio iPod i Sum 41. Magari mi dice bene anche questa volta…

[download id=”39″ format=”1″]

[download id=”40″ format=”1″]

[download id=”41″ format=”1″]

 

 

Top 5 – Le canzoni di Battisti da imparare subito


Io non conosco tutta la discografia di Battisti, né mi è mai passato per la mente di colmare questa grande e imperdonabile lacuna. Mo’ che l’ho detto, posso andare anche avanti. E affermare che lo considero quasi un vantaggio: nessuno così può sentirmi dire che “erano troppo meglio i primi dischi, quando Battisti era il vero Battisti”.
Ma a Lucione nostro devo molto.
Avendo macinato tonnellate di accordi in spiaggia con l’idea di approfittare, in giovine età (precisazione necessaria, considerando che questo blog è letto quasi esclusivamente da mia moglie), delle carinerie di qualche fanciulla che poteva subire la fascinazione della sei corde, ne ho suonate un sacco di sue canzoni. Di Lucio, dico.
Ecco, ce ne sono almeno cinque che ogni chitarrista da spiaggia deve inserire subito nel suo repertorio.
Non per l’amore della buona musica, di quella chissene.

Si tratta semplicemente di aumentare le chance di fare colpo sulle tizie di cui sopra.

Leggi tutto “Top 5 – Le canzoni di Battisti da imparare subito”

Alice: Madness Returns iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

L’occasione di rispolverare Alice: Madness Returns arriva direttamente da Twitter.
Un amico, @Shur3n, lo ha cominciato da poco, e, nel suo tweet, dice: “nanna dopo un’ora e mezza di Alice: Madness Returns. Graficamente orrido, ma ha delle trovate geniali. E, alla fine, è pure divertente”.

Non so, onestamente, se sia meglio questo episodio o l’originale: troppo lontano il ricordo del primo American McGee’s Alice e delle sensazioni che aveva generato per non credere che tutto sia stato addolcito dalla (poca) memoria. A ogni modo, il titolo di EA merita delle ore, soprattutto su PC. Se qualcuno stesse cercando di capire quali suggestioni è in grado di generare il lavoro di Spicy Horse, c’è una stupenda galleria creata dal solito, insostituibile Deadendthrills.com, raggiungibile cliccando qui.
Qualche tempo fa avevo anche scritto qualcosa su Madness Returns dicendo, in soldoni, quanto Shur3n riesce a sintetizzare nei 140 caratteri del suo tweet (cliccando qui, tipo, si raggiunge il pezzo che avevo scritto sul blog, che contiene anche la videorecensione pubblicata su GamesVillage.it).

Alice, per quel che mi riguarda, ha avuto anche il merito di convincermi a lasciar perdere il GamerScore, optando per la versione PC a discapito di quella Xbox (che ho comunque provato e giocato): su PC, il gioco è più bello a vedersi e gode di ombre più dettagliate, mentre il semplice “tondo nero” utilizzato su console rende molte sequenze a base di salti un vero incubo. Mobbasta con le chiacchiere però, che ci sono i due wallpaper da scaricare…

[download id=”37″ format=”1″]

[download id=”38″ format=”1″]

 

 

BioShock iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

Il primo giro di giostra, con BioShock, lasciava davvero senza parole: il disastro aereo, la stupenda rappresentazione dell’acqua, la voglia di raggiungere un “porto” sicuro, la storia che ti si attaccava alle ossa…
Tutto era perfetto, in Rapture.
Oggi, a qualche anno di distanza, i soldi (pochi) che ti chiedono per portarti a casa questa favolosa avventura sono ben spesi. Meglio che quelli richiesti per il seguito.
Ci sarà pur un motivo se tutti aspettano con ansia il BioShock “quello vero, quello di Levine”, no?

[download id=”34″]

[download id=”35″]

[download id=”36″]

 

 

Heavy Rain iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

Al tempo della sua uscità, Heavy Rain mi aveva colpito parecchio. Creava un ottimo legame con il giocatore, e ti costringeva a rimanere attaccato allo schermo fino a quando non sapevi che fine aveva fatto il Killer degli Origami. Che non era uno che ammazzava pupazzetti realizzati con la carta piegata, ma bambini. Ne avevo scritto già in un’altra occasione, più o meno qui. C’era qualche buco nella storia, qualche “furbata” del narratore, ma, nel complesso, stiamo parlando di un ottimo prodotto.
A oggi, a livello di visual, tutto quello che avevano scelto Cage e soci mi sembra insuperabile. Se avessi dovuto comunicarlo io, Heavy Rain, avrei fatto le stesse, identiche scelte (che, forse, per loro, non è un bene).

[download id=”29″ format=”1″]

[download id=”30″ format=”1″]

[download id=”31″ format=”1″]

[download id=”32″ format=”1″]

[download id=”33″ format=”1″]

 

 

 

 

Alan Wake iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

Alan Wake prepara la sbarco su PC, previsto più o meno per il mese di marzo. Per me è una buona notizia: l’ho amato, nonostante i molti limiti, nella sua versione 360, e non vedo l’ora di sentire un paio di pareri di amici PCisti che, invece, non hanno avuto modo di provarlo. Un’altra cosa che mi incuriosisce parecchio è la qualità del porting: Remedy, considerando che lo pubblicherà da sola, via Steam, metterà quel qualcosa in più che serve per togliere il sapore  “datato” presente nella versione console?

A prescindere da quello che sarà il risultato finale sotto il profilo tecnico, Alan Wake mette sul piatto una storia che si lascia seguire in modo gradevole, tanto che viene voglia di giocarselo tutto in una notte. Cosa peraltro possibile, visto dura più o meno sei o sette ore, correndo come dei disperati (10, invece, se si va avanti sereni, magari cercando qualche thermos di caffè).
Qui sotto i link per scaricare la Home Screen e i due Wallpaper dedicati. Che son proprio bellini 🙂

[download id=”26″ format=”1″]

[download id=”27″ format=”1″]

[download id=”28″ format=”1″]

 

 

Top 5 – Le canzoni che devi ascoltare prima di una riunione importante


Mettiamo il caso che tu, questa mattina, abbia una riunione importante, al lavoro. E mettiamo il caso che da questa riunione dipendano un sacco di cose (che non è indice del fatto che sia importante. Sarà capitato anche a te di infilarti in una riunione “importante” in cui non si decide una fava, no?). Sempre per il solito discorso dell’essere un blog di servizio, ci sono almeno cinque pezzi che è bene ascoltare prima di chiudere la porta alle tue spalle. Arrivare “lisci” alla maniglia, senza l’opportuno training, presenterebbe un’immagine di te molle, assonnata, che se ti alzavi dal letto venti minuti prima era meglio. E il rischio, lì, non è quello di sembrare uno che non conta un razzo: il problema è che potresti diventare una pianta di Ficus, nel caso in cui tu sia fortunato. O uno dei tanti Yes Men, qualora ti vada un po’ peggio.

Leggi tutto “Top 5 – Le canzoni che devi ascoltare prima di una riunione importante”

Batman: Arkham City iPhone 4S Wallpaper e Home Screen

“Un cavaliere bello. Senza un partito attaccato. Che non dice nemmeno stupidate ogni volta che apre bocca. Questo Arkham City migliora quello che si era visto in Arkham Asylum, ma ha il problema di sbatterti tutto in faccia senza spiegare una fava. Detto in poche parole, è come entrare in un All You Can Eat con tutte le portate già sul tavolo. Figata.”
Questo era quello che pensavo di Batman: Arkham City, dopo una manciata di ore di gioco. Nel mentre, sono andato avanti a sufficienza per preferirlo ad Arkham Asylum, e, sempre nel mentre, mi si sono brasati i salvataggi. Era un “problema noto”, ma è ancora più noto, almeno per me, che la voglia di iniziarlo una seconda volta non è che sia proprio così intensa. Lo farò, solo non ora.
La cosa che piace, di questi ultimi due Batman, è lo stile grafico scelto per comunicarli: semplicemente fantastico da vedere, meno semplice da piazzare su una cover di una rivista, dove la combo bianco/nero + spruzzata di rosso ha un impatto non particolarmente cool. È stato prodotto un art a colori (o meglio, colorato un art originariamente in bianco e nero), ma non è forte alla stessa maniera. Non son mai contento, insomma.

[download id=”22″]

[download id=”23″]

[download id=”24″]

[download id=”25″]