Minigore

Publisher: Chillingo, Sviluppatore: Mountain Sheep, Sito: minigore.blogspot.com
Prezzo:
€ 0,79

PixelButton

Ora, mettetevi nei panni di John Gore, un tizio tutto squadrato che si trova catapultato in mezzo a una distesa verde, resa movimentata da qualche cespuglio sparso qua e là. Come reagireste voi se un gruppetto di sviluppatori vi piantasse in mano un fucile a canne mozze e vi scagliasse contro tonnellate di buffi e letali esserini neri? Semplice, comincereste a sparare!

Con un sistema di controllo simile a quello dei due Geometry Wars di Bizarre Creations, che vuole uno “stick” utilizzato per gli spostamenti e uno per la gestione della direzione dello sparo, i finlandesi Mountain Sheep portano su iPhone un titolo immediato e difficile da abbandonare. Lo scopo di questo survival shooter, che ha qualche punto in comune con iDracula, è semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile alle ondate nemiche che arrivano dalla foresta.
[nggallery id=10]
In questa battaglia impari avremo modo di recuperare qualche power up niente male, utile per prolungare di qualche secondo la nostra sopravvivenza. Le creaturine di cui sopra, infatti, possono lasciar cadere due tipi di oggetti: i quadrifogli e le casse. Raccogliendo tre esemplari dei primi si attiva una specie di God Mode che ci permette di assumere le sembianze di un grosso toro arrabbiato con il mondo, capace di stendere i nemici semplicemente camminandoci sopra, mentre le casse hanno un duplice utilizzo: recuperandole si avrà accesso a un fucile decisamente più potente di quello base, anche se con colpi limitati, mentre colpendole ripetutamente funzioneranno come una specie di smart bomb, sparando un colpo in ogni direzione dello schermo.

Tecnicamente, MiniGore è molto gradevole e propone una grafica ben colorata e dei personaggi davvero simpatici. I nei di una produzione comunque sfiziosa risiedono nel sistema di controllo, che, pur confinato nella parte inferiore del video, porta via parecchio spazio alla visuale, nella poca varietà delle ambientazioni (c’è un solo livello) e nell’esiguo numero di vite a disposizione. “Due” John non bastano per essere competitivi da subito nelle classifiche online, ma per il prezzo di un caffé, si può anche chiudere un occhio! 🙂

[starreview tpl=16]

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.

I commenti sono stati chiusi.