Max Payne 3 iPhone 4S wallpaper

Max Payne 3 è uno dei titoli da cui mi aspetto di più, in questo 2012. Nel primo episodio ci viene presentato il protagonista, che altro non è se non il classico individuo “senza niente da perdere”, altrimenti noto come il bravo poliziotto a cui hanno sterminato la famiglia e che è stato incastrato non si sa da chi, non si sa perché. In Max Payne si vede per la prima volta, almeno a mia memoria, il Bullet Time nei videogiochi (un’idea copiata poi praticamente da tutti, con risultati a tratti disastrosi). L”esperienza, nel suo insieme, era più che godibile e si portava serenamente a termine nel corso di una giornata (stiamo parlando più o meno di sei ore di gioco). L’unico neo era rappresentato dai due livelli “incubo”, veri e propri labirinti da esplorare all’interno dei sogni di Max che levavano la voglia di vivere a chiunque.
Max Payne II – The Fall of Max Payne è un “more of the same”: niente di più, niente di meno. Solo che metteva sul piatto la bella Mona Sax, il cambio di etichetta (sempre sviluppato dai Remedy di Sam Lake, acquisiti però da Rockstar) e i Poets of the Fall, che accompagnavano con Late Goodbye lo scorrere dei titoli di coda.
Se non li avete mai giocati, rimediate prima di Marzo.

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=atKv1JyQgV8

 

Potresti pure trovare interessanti:

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.