Lie to Me – Raccontami cazzate?

Ovviamente Mattia ha già trovato il modo di criticarlo, ma Lie to Me ha esercitato su di me un fascino che non riesco a spiegarmi. In fin dei conti, mi si potrà dire, mi è piaciuto anche Mental, ma non penso che la questione sia questa. E tutto risulta ancora più strano se mi fermo a pensare che i produttori sono gli stessi di 24, serie che non sono mai riuscito davvero a capire e che non è stata capace di rapirmi.

lietome (2)Il personaggio interpretato da Tim Roth si chiama Cal Lightman, ed è a capo di una società che ha il compito di scoprire quando e come la gente racconta cazzate. Nelle prime puntate hanno già lavorato per tutto il mondo: FBI, esercito, rampante manager che ha lanciato un social network di successo, pompieri, sindaci e chi più ne ha più ne metta. E pensare che bastava chiedermi un paio di numeri di telefono di figuri ben noti per sistemarsi, a suon di consulenze, per tutta la vita, senza doversi sporcare le mani per davvero.

Tra i personaggi più azzeccati, troviamo la bella Ria, un talento naturale (cioè una che becca al volo quando dici le cazzate senza aver studiato le “microespressioni” scoperte dal suo capo) prima in forza alla Polizia, e Gillian, la parte razionale di Cal, nonché gran bel pezzo di figliuola. O MILF, che dir si voglia.

La struttura delle puntate, autoconcludente nei primi episodi, usa bene i cliffhanger, distanti anni luce da quelli di True Blood, mio personalissimo metro di paragone per mostrare come NON si devono fare i cliffhanger. La lista degli episodi compresi nella prima serie si trova qui.

Mattia, sempre lui, nel frattempo ha già trovato il modo per rompere i maroni su Flash Forward: io aspetto un paio di puntate ancora, prima di bocciarlo o promuoverlo.

Potresti pure trovare interessanti:

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.