Giocare per 30 minuti a Dead Island…

Ho dedicato 30 minuti della mia vita a Dead Island, il prossimo Third Person Slasher – come lo chiamano loro – di Techland. I primi 10 potrei definirli in molti modi: brutti, noiosi, inutili, ammorbanti.

Poi succede qualcosa, e non ho ancora capito che cosa. So solo che diventa difficile staccarsi dal gioco, una roba che ti devono prendere a bastonate per mollare il pad. Se non avessi da scrivere una recensione per XMU in tempo zero e non ci fosse il numero da chiudere, avrei avidamente consumato il resto del preview code. Stai a vedere che Techland riesce a fare una cosa davvero cool.

Potresti pure trovare interessanti:

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.

I commenti sono stati chiusi.