Assassin’s Creed 2 – Ezio Auditore umilia Altair

assassinsbanda

Publisher: Ubisoft, Sviluppatore: Ubisoft, Sito: assassinscreed.it.ubi.com/assassins-creed-2/

Ho passato diverse ore a gironzolare tra Firenze, San Giminiano, Monteriggione e un paio di cripte in compagnia di Ezio Auditore, il protagonista del secondo episodio della saga di Assassin’s Creed. Che, per capirci, ha tutto quello che mancava al primo capitolo della serie: il gioco.

In Assassin’s Creed 2 tutto quello che c’è da fare diverte, a partire dall’esplorazione delle città e dei piccoli borghi, per passare alle sezioni platform a là Prince of Persia, in cui si recuperano i sigilli che danno accesso all’armatura di Altair, l’unica cosa sana del primo AC. Anche in questo caso c’è un gioco nel gioco, rappresentato dalla nostra magione e dal borgo che possiamo chiamare “casa”, che vanno addobbati, abbelliti e dotati di tutti quei servizi che possono assicurarci delle entrate in fiorini superiori alla media.

Assassin's Creed 2 - 02

Benché a prima vista qualcuno possa definirlo un mezzo free roaming, Assassin’s Creed 2 è parecchio guidato: per fare un GTA qualsiasi non basta farmi scegliere se aiutare una fanciulla o comprare un quadro, no? Il titolo di Ubisoft ha l’indubbio pregio di saper miscelare sapientemente tra loro combattimenti a sezioni di esplorazione più o meno lunghe, legando tutto alla storia che racconta, una storia fatta di tradimenti e colpi di scena che ti lasciano sempre lì, un po’ interdetto.

Assassin's Creed 2 - 01

Graficamente c’è in giro di meglio, almeno per quanto riguarda la resa dei volti (che ricordano un po’ quelli di alcuni giocatori di FIFA 10, ben distanti dalle piacevolezze di un Batman: Arkham Asylum qualsiasi), mentre per ciò che concerne l’ambientazione, Ubisoft ha fatto centro su tutta la linea. Firenze è maestosa, come lo era all’epoca in cui sono ambientati i ricordi del nostro antenato, che riportano le lancette dell’orologio all’anno di grazia 1476. L’unico neo riscontrato sino a ora è rappresentato dal sistema di controllo, generalmente preciso, che in alcuni scontri o in particolari fasi dell’esplorazione mi ha costretto a rigiocare il pezzo perché non faceva esattamente quello che mi aspettavo facesse.

Assassin's Creed 2 - 03

Tutto il resto è veramente ok, a partire dalla traduzione italiana, per una volta superiore alla controparte inglese, funestata dalle voci di Mario e Luigi (sì, i due idraulici della Nintendo) che, secondo gli sviluppatori, sono il non plus ultra dell’italianità.
Qui non ci sono i “mirini metallici” di Call of Duty – Modern Warfare 2, né i maschi spacciati per femmine di Dragon Age: Origins, ma solo un Italiano perfetto in tutte le sue sfumature, in tutti i suoi significati, con particolare attenzione per qualche colorita espressione tipica della regione che regala il Chianti all’Italia. Da applausi e improperi: Altair, eroe del primo episodio, si meritava lo stesso destino di Ezio.

[starreview tpl=16] [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6r-44Vg9aqk[/youtube]

Potresti pure trovare interessanti:

ToSo

Appassionato di videogiochi da quando è nato, il ToSo suole divertirsi con Photoshop, Word, Excel, sparatutto, action adventure e titoli sportivi: l’importante è che non sia necessario spostarsi dal divano. Nel tempo libero realizza le più belle sigle del mondo, quelle per Outcast. Si dice non abbia mai tirato un sasso dal cavalcavia, né fatto stragi dal vivo, armato di shotgun.

I commenti sono stati chiusi.